SERIE C SILVER: UN BEL MATTONCINO

AURORA BASKET CHIAVARI – BASKET CLUB OSPEDALETTI 70 – 54 (25-11; 46-24; 56-40)

AURORA:  Andreani 4, Stefani 5, Davini, Putti 15, Muzzi 7, Cerisola 19, Varrone 9, Elia 5, Ravera 6, Curaci, – All. Marenco

OSPEDALETTI:   Gilardino 6, Rossi 11, Zunino 10, Revetria 17, Carlucci 9, Formica 1, Vivo, Cologgi, – All. Lupi

L’Aurora non fallisce l’appuntamento più importante (finora) della sua stagione e regola l’Ospedaletti allargando il divario in classifica a quattro punti. Quelli che sarebbero sufficienti per la salvezza anticipata, anche se adesso per i chiavaresi viene il difficile: conservare l’esiguo vantaggio non sarà impresa semplice, visto che dovranno fare i conti con un calendario tutt’altro che agevole. Ma la propulsione data dai due ultimi referti rosa conseguiti – dopo un periodo assai lungo di digiuno – lascia aperta la porta alla speranza.

Il match con i ponentini – privi del totem Colombo, anche se l’Aurora doveva fare a meno dell’omologo Barnini – si è subito messo sui binari giusti (15-6 dopo pochi giri d’orologio) e il vantaggio si è via via incrementato nei primi due quarti, grazie soprattutto al lavoro ai fianchi di Cerisola e Putti. Solamente nel terzo e più insistentemente nel quarto tempino gli ospiti hanno provato a ridurre lo svantaggio, approfittando del rilassamento dei giallocanarino di casa. La sirena certifica comunque il netto successo, che ribalta anche in termini numerici la sconfitta patita ad Ospedaletti nella combattuta gara dell’andata (-2).

L’aggancio a quota otto punti con l’Ardita mette del fieno in cascina e consente di gurdare al prossimo impegno (trasferta a Rapallo contro la Pro Recco domenica ore 19) con la testa un pochino più sgombra da preoccupazioni. E magari di sperare di ottenere nelle utime partite quei due punti necessari per rinsaldare la posizione. Hai visto mai…

IL MIGLIORE : Tommaso Cerisola ha bellamente approfittato dell’assenza del Colombo di cui sopra con una prova a tutto tondo, dopo i segnali incoraggianti del Lago Figoi.

MENZIONE ONOREVOLE: la voglia di ottenere il risultato che tutti hanno messo sul parquet del palaCarrino. Partita importante affrontata col giusto atteggiamento.