UNDER 17 ELITE: CROLLO AURORA, ADESSO E’ DURA

Una condotta di gara preoccupante causa la sconfitta casalinga dell’Aurora in garauno dei quarti di finale playoff del campionato under 17. Il Cap Genova viene a prendersi al PalaCarrino lo scalpo gialloblù  sfruttando l’ottima circolazione di palla e una bella serie di triple “aperte” – ovvero con il difensore più vicino posizionato sullo svincolo autostradale -, ma soprattutto una maggior energia nei momenti chiave dell’incontro grazie alla profondità del roster. I chiavaresi devono piangere sul latte versato e sulle cattive condizioni di alcuni elementi importanti, che nel momento topico della stagione non riescono a far quadrare i conti in particolare in difesa, dove i 41 punti concessi ai biancoblù di Toselli nei secondi 20′ sono una zavorra troppo pesante per la navicella di Gonfiantini.

L’Aurora deve inseguire per quasi tutto il match, ad eccezione di un breve interludio nel terzo atto quando una sfuriata del duo Stefani-Crovo sembra ribaltare il trend, e lo fa tra errori marchiani e omissioni difensive, ma anche con la complicità degli dei del basket che strizzano l’occhio ai genovesi. Emblematico il caso del canestro a metà campo di Tommaso Pampuro allo scadere dei 24″ nel quarto quarto sul 50-50, quasi un compendio di una serata dispari. Da lì in poi, il giallo sulle magliette dell’Aurora diventa sempre più pallido e – nonostante le buone intenzioni di Solari e qualche lampo di un Gaadoudi ben controllato dalla difesa ospite – il restante periodo è sostanzialmente un monologo del Cap.

L’harakiri casalingo assicura al Cap la possibilità di giocarsi il match point che dà il diritto alla semifinale tra le mura amiche del palazzetto del Lago Figoi, domenica prossima alle ore 15. L’Aurora ha a disposizione una settimana di tempo per rimuginare sopra le sue malefatte, soprattutto nell’approccio alla gara troppo soft. Ma questo può accadere se provieni da un 3-0 stagionale nei confronti diretti, anche se le triplici fatiche degli incontri giocati (tutti conclusi di stretta se non di strettissima misura) dovevano tenere la truppa sul “chi vive”. Ci penseranno i 40′ “senza ritorno” di domenica, nei quali i chiavaresi dovranno giocoforza rispondere se non vorranno concludere mestamente una stagione che tutto sommato meriterebbe ben altro esito finale.

 

AURORA BASKET CHIAVARI  –  C.A.P. GENOVA  61  –  69  (13-15; 23-28; 45-47)

AURORA:  Solari 8, Stefani 14, Leverone, Amisano 6, Cervini 3, Crovo 11, Pardo, Zignaigo, Gaadoudi 19, Segale,  –  All. Gonfiantini

C.A.P.:  Martini, Millio Spinetti 13, Pampuro 7, Franconi 16, Bianco 4, D’Erba 10, Vicenzi 6, Mbodji, Magno 2, Ferraro 11,  –  All. Toselli

ommenti su “UNDER 17 ELITE: CROLLO AURORA, ADESSO E’ DURA

  1. Federico ha detto:

    Bellissimo articolo come sempre… Segnalo a Bob per onor di cronaca e soprattutto per dare la meritata soddisfazione al nostro atleta che il benedetto canestro da tre da metà campo è stato opera del numero 9 Tommaso Pampuro. Ci vediamo a “gara 5″….

  2. giuliana ha detto:

    Grazie. Correzione fatta. Noi ci accontentiamo di verderci a gara 3…….. Saluti

  3. Bob Ray ha detto:

    Grazie, Federico, per l’intervento e la precisazione. Purtroppo sono errori nel quale tendo a cadere cercando di ricordare a memoria (cosa che non si dovrebbe fare spesso) e fidandomi troppo di essa (cosa che è meglio non fare più…). Complimenti ai vostri ragazzi, bella Squadra (maiuscola non usata a caso) che gioca un basket redditizio e piacevole, senza nessun “fenomeno” ma con un gruppo molto unito. Bravi, arrivederci a …gara 5 (quinto confronto stagionale), sperando che ci sia una …gara 6!!!

  4. oscar ha detto:

    Mi fa piacere che ci si scambi i commenti tra persone che giocano o si occupano di basket , con il tono di chi cerca di migliorare le proprie squadre e non di sopraffare le altre.
    Qualcuno non fa così, sia in Liguria che altrove , ma per fortuna non è il caso delle due compagini impegnate in questo play off.
    La sconfitta è un passaggio indispensabile per migliorarsi, la vittoria è solo un premio ad un lavoro che deve continuare.

  5. Federico ha detto:

    Grazie per i complimenti Bob, per noi è stata proprio una bella soddisfazione vedere i nostri ragazzi, con tutti i loro limiti, fare una partita così bella… Proprio una Squadra come hai sottolineato tu! Ora l’obbiettivo sarà far loro capire che se non vogliono una gara 6 (o 3…) devono mettersi in testa che non abbiamo ancora fatto nulla e che la via per migliorarsi e magari ogni tanto togliersi delle soddisfazioni è giocare in 5 ed aiutarsi a vicenda! Grazie a Giuliana per aver corretto e ad Oscar per l’apprezzamento e le sue sacrosante annotazioni! A domenica prossima, un caro saluto.

Comments are closed.