UNDER 13: TRATTENENDO IL FIATO…

E’ successo di tutto. Anche troppo, verrebbe da dire. E’ successo di tutto in una gara palpitante, nella quale occorre accomunare le due squadre in un unico applauso. Ha vinto l’Aurora, ma Sestri non ha sicuramente demeritato, restando orgogliosamente aggrappato – spesso anche avanti nel punteggio – fino all’ultimo secondo. Una sfida emozionante tra due formazioni che hanno buttato in campo ogni energia per superarsi e portare a casa un risultato che vale il secondo posto temporaneo nella graduatoria del girone B.

Come di deduce dai parziali, il match è stato anguillesco per tutti i 40′, come del resto quello di andata – affrontato dai nostri in emergenza ma con cuore pari a questo -, e il finale è stato vissuto con il cuore in gola. L’Aurora, condotta da Lorenzino Crovo con mani sicure negli emozionati ultimi giri d’orologio, l’ha spuntata per una incollatura e con il minimo scarto ha ribaltato il -2 dell’andata. Il capitano ha guidato la sua compagnia, dove si sono esaltati a turno Michael Zavala, Derick Enoyoze e Simone Raggio, e dove ha esordito il promettente virgulto 2003 Alessandro Solari. Tra i biancoverdi, lo sfortunatissimo Francesco Pecoraro è stato costretto da una brutta distorsione a terminare in anticipo la sua gara a meno di 5′ dalla sirena: auguri al biancoverde di una pronta guarigione. La sua assenza ha pesato non poco ma ha ancor di più lanciato l’imprendibile Bajardo, che ha tenuto in piedi fino al 40′ le speranze del Sestri.

La formula del campionato metterà nuovamente davanti le due squadre, probabilmente di nuovo a Chiavari, e ci auguriamo possa pareggiare l’intensità di questa, veramente splendida emotivamente. Nel contempo, auspichiamo di non rivedere certi comportamenti enfatici – diciamo così – da parte di qualche genitore ospite che ha obiettivamente trasceso. Ancora una volta, il miglior esempio lo hanno dato i ragazzi in campo, che hanno lottato sportivamente per superarsi.

 

AURORA BASKET CHIAVARI  –  C.B. SESTRI LEVANTE  57  –  54  (13-14; 26-24; 39-40)

AURORA:  Crovo 22, D’Auria, Dellepiane, Quaggia, Spinetto 2, Enoyoze 10, Lo Bue, Pibiri, Zavala 9, Raggio 13, Solari 1,  –  All. Ravera

SESTRI LEVANTE  Costa 2, Pecoraro 12, Zolezzi 2, Bajardo 26, Gamaleri, Canepa 4, Leonardini 6, Zazzeri, Besana, De Longis, Campana, Muzio 2,  –  All. Conti

Un commento su “UNDER 13: TRATTENENDO IL FIATO…

  1. Federico Genova ha detto:

    Innanzitutto voglio fare i miei complimenti a Bob Ray per gli splendidi articoli che scrive (anzi rifare visto che glieli ho fatti anche di persona!)! E’ un piacere leggerlo ed anche se non ho particolare interesse per le avventure cestistiche chiavaresi mi ritaglio sempre qualche minuto per vedere se c’è qualcosa di nuovo da gustarsi…. Anche nello specifico caso direi che le doti giornalistiche sono venute fuori alla grande, minimizzando un’ingiustizia perpetrata ai danni di un bimbo di 12 anni che ha appena segnato il canestro forse più importante della sua giovane carriera… Attenzione, non parlo di risultati o classifiche! Diciamolo, nel basket giovanile il risultato non dovrebbe contare quasi nulla, soprattutto a questi livelli… l’obbiettivo dovrebbe essere la crescita individuale del ragazzo sia come giocatore che come persona, e, scusatemi, qui non è cresciuto proprio nessuno… ne’ il povero bimbo che si è visto fischiare un tecnico assurdo per la dinamica della cosa, per il contesto e perché comunque prima bisogna dare un avviso (spero non si demoralizzi ma che questo delusione lo spinga a dare ancora di più), ne’ i ragazzi dell’Aurora che sanno perfettamente di essere stati ingiustamente favoriti, ne’ il povero Tommaso che con questa sciocchezza si è giocato probabilmente la carriera…. So che è un bravo arbitro, so che è un bravissimo ragazzo, sia in divisa da gioco che da arbitro ho avuto modo di apprezzarlo… spero tanto che abbia il coraggio di ammettere la sua colpa (non parliamo di errore per piacere!!) e di scusarsi prima di tutto col bimbo al quale ha fatto un torto enorme! Non metto il mio cognome perché non mi pare necessario, sono un allenatore giovanile ed un po’ so di cosa stiamo parlando… ora basta polemiche, mettiamoci una pietra sopra e cerchiamo di far risplendere il basket della luce che merita! Un in bocca al lupo a tutti! Federico

Comments are closed.