TUTTI IN CAMPO, SI RIPARTE…

Le acque si sono ritirate e – tra mille difficoltà – la vita continua. Anche all’Aurora, o meglio nella casa dell’Aurora, disastrata anche lei dall’alluvione di lunedì 10 novembre. Grazie all’impegno di tutti coloro che hanno aiutato a liberare dal fango l’impianto, l’attività può riprendere, seppur con il solo utilizzo della tensostruttura, che per un pò di tempo fungerà da campo principale per tutte le squadre gialloblù. Il palazzetto, infatti, è al momento inutilizzabile a causa del rigonfiamento del parquet: si tenta la strada del recupero livellandolo e ne sapremo di più tra qualche giorno.

Nell’attesa, da sabato si ritorna in campo e le prime a “inaugurare” questa nuova (e speriamo provvisoria) versione casalinga saranno le ragazze dell’under 15 femminile, impegnate alle ore 16.30 nella Tensostruttura contro il Marola. Poi sarà la volta della C femminile con le girls di Luca Migliazzi che cercheranno di bissare il successo della prima giornata nell’anticipo serale contro l’Ospedaletti (ore 20.45), mentre domenica (ore 15.30) toccherà all’under 17 maschile inseguire il pokerissimo di vittorie contro la Scuola Basket “Diego Bologna”.

Nel frattempo, l’Aurora capolista di serie C2 maschile sarà impegnata sabato nel preserale (ore 19, palestra di via Don Minzoni) a Rapallo, ospite dell’Alcione. I gialloverdi di coach Riccardino Gaiaschi costituiscono un bel banco di prova per la banda-Marenco, che nell’arco temporale di un mese (da sabato 8/11  a domenica 7/12) giocherà solo questa gara, dovendo poi osservare il turno di riposo. Successivamente andrà probabilmente in onda un  autentico Tour de Force per recuperare le gare rinviate per forza maggiore. Se ne parlerà a tempo debito, intanto è necessario non abbassare la guardia di fronte a questo Alcione reduce dal “liscio e busso” rimediato chez Granarolo. Una rondine non fa primavera, anzi ci sarà da tener conto della voglia di riscatto che animerà i propositi della “vecchia guardia” rapallina, quest’anno rinforzata dal giovane Giordano, già autore di alcune belle prestazioni.

Coach Marenco è già sul “chi vive”: “Il primo posto comporta oneri ed onori in egual quantità: dovremo sempre dimostrare di meritare questa piazza, dato che gireremo con un bersaglio attaccato alla schiena. Penso che questa situazione possa portare nuovi stimoli e voglio vedere se i ragazzi saranno in grado di recepirli. Mi attendo una partita difficile, è un derby tra l’altro e il Rapallo vorrà portare a casa una vittoria di prestigio. Dobbiamo esser pronti soprattutto mentalmente”.