C2: AURORA, FINE DEL SOGNO TRA GLI APPLAUSI

Tanti ringraziamenti a questo splendido pubblico...

Tanti ringraziamenti a questo splendido pubblico…

Senza pietà. L’armata biancoverde demolisce il desiderio dell’Aurora di forzare la serie alla “bella” strappando il punto del 3-1 ma non il cuore di un palazzetto festoso che tributa ai ragazzi di Giuliano Marenco un lungo e meritatissimo applauso finale. Termina qui la straordinaria corsa di una squadra chiavarese alla quale prima dell’inizio del campionato il ranking degli addetti ai lavori non assegnava il biglietto dei playoff ma che invece, forse proprio grazie a questo sentimento di rivalsa, ottiene il miglior risultato della storia della Società. Il merito va equamente diviso tra tutti i componenti del roster, un gruppo che ha attraversato momenti esaltanti e meno, ma che ha dato dimostrazione di grande compattezza, di umiltà e di temperamento, giungendo fino alle parte del Paradiso, trovando via via motivazioni per crescere come uomini e giocatori.

IL COACH“Mi preme innanzitutto ringraziare chi è venuto a sostenerci questa sera, tutti indistintamente, che hanno fatto vedere quanto Chiavari ami lo sport e questa squadra, composta da ragazzi, diciamo così, della porta accanto”. Coach Marenco debutta così nella sua analisi della gara “che Sarzana ha fatto sua grazie a quel mix di esperienza ed atletismo  elevato a vette francamente fuori portata dalle nostre forze. Giusto così, loro sono una formazione che a livello dei primi cinque vale la categoria superiore e complessivamente lo hanno dimostrato in tutto il torneo. Ci resta la soddisfazione di averli battuti un paio di volte a casa loro, un autentico record se pensiamo che negli ultimi due campionati siamo stati i soli a riuscirci”. Per l’Aurora è stata una stagione di ulteriore crescita, talvolta esaltante.  “Si, è vero, esaltante e faticosa. I ragazzi hanno lavorato con molta dedizione, siamo migliorati sotto diversi profili e abbiamo conquistato rispetto. Ce l’abbiamo messa veramente tutta, ci siamo divertiti e, speriamo, di aver divertito chi ci ha seguito”.

LA PARTITA – L’ambiente è quello delle grandi occasioni: un palaCarrino ribollente di entusiasmo con nugoli di bambini del minibasket, glorie recenti e meno, striscioni e palloncini gialloblù, tutti pronti a spingere l’Aurora verso l’impresa di portare la serie a garacinque. Il match si apre con qualche errore, Sarzana parte meglio (12-4 all’8′) sfruttando l’idiosincrasia gialloblù a difesa schierata. La tensione rattrappisce i muscoli dell’Aurora in attacco, l’imbuto difensivo sarzanese li conduce verso i tentacoli di Penè, il quale stoppa tutto ciò che si muove nel raggio di tre metri e mette pure la tripla del primo vantaggio biancoverde in doppia cifra  (25-15 al 5′ del secondo quarto). In sequenza replicano e controreplicano Tealdi, Bianchini e Sciutti nel momento più bello della partita (28-21 pro Sarzana al 6′). Gli ospiti trovano risorse che i nostri non hanno e si involano: un antisportivo a Bottino ed un tecnico a Garibotto contribuiscono ad allargare il gap che tocca i sedici punti all’intervallo lungo.

RIPRESA – Sette punti consecutivi di Gianluca Garibotto aprono il terzo tempino ed incendiano il palazzetto (28-39 al 3′). Ma la fiammata si esurisce presto, Sarzana rimette i tasselli a posto con Casini, Dell’Innocenti e Tesconi che accatastano legna per il 47-32 dell’8′, quando Stefano Terribile infila i primi due punti della sua partita. La fiducia cala parimenti al tasso testosteronico e Sarzana blinda di fatto partita e serie con un sontuoso Dell’Innocenti che fa la sua parte e quella di Bencaster (poco impiegato per un subitaneo infortunio alla mano) in un quarto periodo tutto di marca biancoverde. Finisce con le seconde linee in campo ed un abbraccio di marca gialloblù tra grandi e piccini.

FINALINO – Il privilegio di esser giunti a dover vincere una garaquattro di semifinale-playoff è di per sè una enorme conquista per questo gruppo di ragazzi ed il loro coach che, al termine di una stagione ricca di sfide, può finalmente rilassarsi: “E’ stata una bella annata sportiva, dispendiosa sotto l’aspetto nervoso ma anche gratificante, come può esserlo veder crescere un gruppo di ragazzi che ti hanno sempre seguito. Grazie a tutti. Adesso ho bisogno di tirare il fiato e di ricaricare le batterie”.

 

 

AURORA BASKET CHIAVARI – SARZANA BASKET   50 -76  (8-14; 21-37; 36-53)

AURORA   Sciutti 7, Podestà 7, Garibotto 20, Terribile 6, Bottino 4;  Buccini 1, Stefani, Gaadoudi, Tealdi 5, Sambuceti. – All. Marenco.

SARZANA  Dell’Innocenti 19, Bencaster 8, Rustichini 5, Bianchini 8, Penè 13;  Barbieri, Casini 11, Maggiani 2, Tesconi 6, Boccafurni 4. – All. Bertieri.

Un commento su “C2: AURORA, FINE DEL SOGNO TRA GLI APPLAUSI

  1. cristina ha detto:

    Si’ tra gli applausi SEMPRE!!!! una squadra la nostra che termina il campionato A TESTA ALTA.Una partita ieri dove la supremazia avversaria era evidente, a mio giudizio,. con svarioni da parte degli arbitri anche in qs incontro.I ragazzi ci hanno regalato tante belle emozioni e vittorie in qs mesi e io li ringrazio uno per uno.Come tifoseria ci siamo dati da fare per rendere il palazzetto piu’ giallo e blu possibile comprese noi mamme e bimbi e le nostre t-shirt!!!!! un bacio a tutti cristina e i miei mini baskettari davide e andrea

Comments are closed.