C2: DURO BANCO DI PROVA PER L’AURORA

Nelle more delle difficoltà espressive in attacco degli ultimi tempi – i 65 punti contro  Pontremoli rappresentano il punto più alto dal 23 novembre ad oggi – l’Aurora trova domenica (ore 18, PalaCarrino) probabilmente la meno augurabile delle rivali, il Sarzana capintesta assieme al Tigullio. La squadra di coach Bertieri, neopromossa un pò particolare in quanto dotata di un nucleo giocatori di categoria superiore, ha nelle corde la possibilità di finire al primo posto la stagione regolare grazie ad un calendario che le propone Tigullio, Cus e Granarolo in casa e la sola insidiosa trasferta di Ovada.

DILEMMA – Come si affronta questo tipo di impegno che, ricordiamolo, sta nel mezzo di un trittico delicato (dopo c’è la trasferta di Granarolo)? All’andata, la brillante versione da esportazione dell’Aurora fece tintinnare i calici di una vittoria tra le meno pronosticabili, mercè un quarto periodo da impacchettare e metter via tra i cimeli più rari. Il Sarzana di adesso sembra meglio focalizzato sull’obiettivo principe della stagione e nelle ultime uscite esterne (Vado e Sestri Levante) non ha dato modo di dubitarne con un paio di sonanti successi. Meno bene sabato scorso in casa contro il Cogoleto, con un successo “di sghetto”. Aspettiamoci una squadra determinata con Bencaster e Dell’Innocenti nel reparto esterni che condurranno il ballo, l’atletismo ancora scintillante di Scheick Penè ed i canestri d’autore di Bianchini e Tesconi. Punti deboli? Pochini, ed infilarcisi non sarà per niente facile.

VOLONTA’ – E’ palesemente ovvio che sarà una Aurora che farà leva sulla difesa e non dovrà mollare un centimetro nel contenere le trame in attacco di una squadra esperta, in grado di vincere su qualsivoglia terreno. Importante sarà poter disporre nuovamente di Tealdi, utilissimo per “aprire la scatola” e rinsaldare le fila in marcatura, mentre a Garibotto, Terribile e Sciutti si chiedono canestri ed amministrazione. “E’ difficile, non nascondiamoci, ma non partiamo battuti. Oramai le nostre caratteristiche di squadra operaia sono ben note e sono quelle che ci hanno portato fin qua. Vorrei la solita intensità accoppiata ad una maggior lucidità offensiva, perchè possiamo ottenere buoni risultati anche nell’altra metà campo senza smarrire le nostre peculiarità” dice coach Marenco “Secondo me Sarzana è la formazione favorita per il salto di categoria e verrà a Chiavari per prendersi la rivincita del match di andata. Penso che la loro volontà di ottenere il primo posto passi da un successo sul nostro campo. Noi proveremo ad impedirglielo, sarà una bella partita e spero in una buona cornice di pubblico perchè le due contendenti se la meritano”.

ALTROVE – L’esordio del nuovo coach del Sestri Levante Caorsi – chiamato a sostituire Terribile che si è fatto da parte – avverrà nel derby con il Villaggio, gara sicuramente alla portata dei biancoverdi che provano la risalita. Match of the week quello di Santa Margherita tra Tigullio e Cus, con i genovesi che cercano di recuperare posizioni, mentre Ovada e Granarolo hanno tutto sommato trasferte alquanto accessibili. Appetibile in chiave playoffs il match tra Rapallo ed Ospedaletti.