C2: SUCCESSO IN APNEA

L’Aurora scaccia il tabù casalingo contro l’ostico Ospedaletti, ma i fantasmi del PalaCarrino si ripresentano davanti agli occhi atterriti del pubblico chiavarese.  La gestione degli ultimi minuti è quantomai materia di studio per una perizia psichiatrica, soprattutto alcuni momenti che rasentano la follia collettiva. Brani dove un minimo di lucidità viene messa nel più recondito angolo a scapito di un masochismo persino ostinato, con tanto di pennellata estrosa che per un nonnulla non riuscirà ad esser celebrata dai posteri in un futuro genetliaco novembrino. Ma domineddìo, perchè mai?

STORIA – Eppure i minuti precedenti dell’ultimo periodo avevano visto un’Aurora ben registrata che aveva effettuato un break importante in una gara vissuta sull’alternanza del punteggio.  Il 59-48 chiavarese a 5’33” dall’ultima sirena veniva sigillato da un bel recupero di Andreino Stefani che lanciava l’inesauribile Garibotto in solitario verso canestro. Il capitano (7/21 dal campo, 9/15 ai liberi, ma 12 rimbalzi) e Stefano Terribile (7/17 + 8 carambole) avevano fin lì indirizzato i compagni verso una tonica vittoria, con l’aiuto di un dominante Stefano Bottino (doppio 11 alle voci punti-rimbalzi). Gli ultimi 5′ venivano introdotti da una proditoria nasata di un Nicola Tealdi – particolarmente sfortunata la sua giornata – che attentava al gomito dell’ignaro (?) Michelis. Il nostro usciva sanguinante dallo scontro con gli animi che si surriscaldavano, per fortuna solo a parole, anche in un dopopartita polemico.

TREMORI – Dall’interruzione in poi, l’Aurora perdeva sicurezza. Grazie anche agli errori avversari manteneva un margine confortante, che le consentiva di affacciarsi sulla soglia degli ultimi due minuti sul 62-54. Forse immaginando di averla già messa in saccoccia, non trovava più la “sua” partita. La fretta di concludere tradiva gli uomini di Marenco, infilandoli nel tunnel dell’autolesionismo. Palloni buttati nei vespasiani (uno addirittura comicamente regalato), mani tremolanti ed elettroencefalogramma piatto: ecco servito il 64-64 a -16″. Garibotto fa 1/2 dalla lunetta, lasciando 9 secondi all’Ospedaletti per vincere. Rossi si incuneava nel cuore dell’area, ma la sua stilettata in layup da meno di un metro non era accolta dagli dei. Ferro, rimbalzo gialloblù, sirena. I chiavaresi possono respirare, l’hanno scampata bella.

RIASSUNTINO – Match alquanto equilibrato, si era detto. Il primo quarto viveva sui cambi di leadership nel punteggio, mentre al 5′ del secondo già nove giocatori ospiti avevano assaggiato il parquet. Coach Lupi utilizzava le porte girevoli per i cambi, mentre Marenco affidava minuti ai suoi senatori. L’uscita di Garibotto a prender fiato vedeva emergere un buon Terribile che sfruttava una certa arroganza tecnica sottocanestro. Ma i nostri non eseguivano i giochi fino in fondo, trastullandosi troppo con la sfera in mano, mentre l’atipico Michelis pungeva dalla media distanza per il +3 ospite all’intervallo lungo.

SECONDA PARTE – Nella ripresa, altra Aurora. Provatidis (evvai…)  colpisce da tre, Sciutti orchestra e Garibotto fa l’assolo per il 45-36, l’Ospedaletti mette solo un canestro dal campo in tutto il terzo tempino e si tiene a bagnomaria grazie a dodici tiri liberi tirati in 10′. L’ultimo periodo, già raccontato, si mantiene sulla falsariga del precedente finchè non scocca la scintilla della genialata cestistica, della serie “dopo averla vinta, provo a perderla”.  Tutti i salmi finiscono in gloria, comunque, e coach Marenco infila la porta d’uscita con l’aria di averne viste troppe. Anche lo scrivano aderisce con sussiego.

 

AURORA BASKET CHIAVARI – B.C. OSPEDALETTI   65 – 64  (15-13; 30-33; 47-42)

AURORA  Provatidis 3, Sciutti 6, Garibotto 25, Terribile 18, Bottino 11;  Stefani 2, Briccolo, Tealdi, Buccini n.e., Sambuceti n.e. – All. Marenco.

OSPEDALETTI  Zunino 9, Rossi 6, Bongioanni 11, Blasetti 5, Michelis 17;  Ruggiero, Bedini 7, Di Palma, Paganini 2, Sibilla 7. – All. Lupi.

Un commento su “C2: SUCCESSO IN APNEA

  1. kostantinos Provatidis ha detto:

    complimenti a chi a i commenti… complienti ai ragazzi,sono convinto che si renderanno delle grandi soddisfazioni…complimenti a quella bellissima persona che e il coach Marenco…e complimenti ed un abbraccio alla famiglia Garibotti…

Comments are closed.