UNDER 17 ELITE: OCCASIONE PERSA

E’ risaputo: un conto è giocare con la testa sgombra e le gambe che girano per i primi uno-due quarti, un conto è – dopo cotanta espressione di buone intenzioni – dover vincere la gara perchè si è data l’impressione di potercela fare. L’Aurora under 17 Elite si smarrisce nel passaggio dalla fase numero uno alla numero due e torna d’attualità il famoso calcione al secchio del latte, citazione tanto cara al maestro Asa Nikolic.

Quaranta minuti che lasciano in bocca il gusto amarognolo della mancata occasione per incasellare un vittoria contro una formazione di buona caratura, tignosa il giusto, ben condotta in campo dal tandem Ermirio-Carpaneto e a corto di effettivi con sette-diconsi-sette iscritti a referto. E pensare che si sono unite due società (Rapallo e Recco) per partecipare a questo torneo sotto l’egida bianconera recchelina, ma il basket ligure è anche questo…

Sotto la spinta degli ispirati Leonardini e Gaadoudi, mente e braccio gialloblù per i primi minuti, l’Aurora si distende in velocità. Le mani rapide di Gervasi, l’ottima difesa di Andreani su Ermirio ed i soliti sprazzi abbacinanti di Frulli conducono i chiavaresi al vantaggio in doppia cifra dell’intervallo lungo. Ma se gioco bene e metto sotto una squadra più quotata per metà tempo, nell’altra metà devo aspettarmi che cambino  aspettative,   percezioni e atteggiamento dell’avversario. Devo farmi trovare pronto, perchè comincia un’altra partita. E questo l’Aurora deve ancora imparare a gestirlo: la gara le scivola di mano già nel terzo tempino perchè i nostri vanno via di testa appena la ruvidità dei recchesi (o rapallini?) prende il sopravvento.

Un parziale di 15-3 ribalta inerzia e punteggio, il duo bianconero di cui sopra prende ad imperversare e non ci sono argini difensivi che tengano. Un tiepido sussulto firmato da tre triple consecutive di Luca Cervini sembra riportare in linea di galleggiamento i nostri, ma Recco/Rapallo amministra senza patemi gli ultimi spiccioli della contesa. La conclusione amara di una serata che prometteva ben altro epilogo non deve far dimenticare le buone cose viste ed intraviste per 25-30′. Su quelle chiavi dovranno lavorare coach Benvis ed i suoi ragazzi per far crescere la barra del potenziale di questa squadra.

 

AURORA BASKET CHIAVARI  –  PRO RECCO BASKET  64  –  73  (18-15; 37-27; 49-48)

AURORA:  Bogliardi, Elia 2, Borinato, Pirri 2, Cervini 13, Andreani 4, Frulli 13, Gaadoudi 8, Leonardini 16, Gervasi 6,  –  All. Benvenuto

RECCO:  Promi, Carpaneto 24, Biundo 10, Queirolo 4, Ermirio 26, Cipollina 9, Djigal,  –  All. Bertini