C2: MAMMA MIA CHE CARTER!

Mi chiamo Carter, Gerald Carter. Gioco a basket.

Lo abbiamo visto, eccome! L’afroamericano del Tigullio rovescia quarantatrè candelotti di dinamite nel canestro chiavarese con una perfezione balistica che, soprattutto nella seconda metà – conclusasi, avete letto bene, 64-33 per i biancorossi di coach Macchiavello – assume i contorni di qualcosa di straordinario. L’Aurora lotta con bello spirito, tiene benissimo il campo per circa tre quarti, poi crolla, complice anche l’espulsione di Cesare Sciutti. Ma contro questo Carter non c’era nulla da fare. Troppa roba per la nostra C regionale.

Coach Marenco può dire di aver visto qualche buon segnale di ripresa in alcuni elementi. Rientra nei ranghi Nicola Tealdi, rimpianto a lungo domenica contro il Cogoleto, e giocano su buoni livelli Garibotto e Stefani, con discreti sprazzi di Terribile. L’appuntamento con la vittoria  (la prima di questo torneo) è ulteriormente dilazionato, ma la reazione per metà gara, prima che il Carter in questione decidesse di farla sua, fa tornare un pochino il sorriso in casa gialloblù. Di questi tempi uggiosi, basta poco…

 

TIGULLIO SPORT  –  AURORA BASKET CHIAVARI  92  –  70  (13-22; 28-37; 65-56)

TIGULLIO:  Delibasic 16, Zolesi 6, Pincione, Mc Nutt 3, Kuvekalovic 16, Lagomarsino, Altemani, Carter 43, Wintor 2, Martin Garcia 6,  –  All. Macchiavello

AURORA:  Sciutti 5, Buccini 6, Stefani 9, Provatidis 5, Longinotti, Garibotto 19, Terribile 12, Tealdi 7, Sambuceti, Bottino 7,  –  All. Marenco