SERIE C SILVER: TROPPO TENERA QUESTA AURORA

Nella seconda sconfitta (annunciata) di questo impervio incipit gialloblù, l’Aurora sperava di trovare quantomeno un supporto morale per preparare  una delle sfide-clou di questo campionato, il match di giovedì sera contro il Basket Pegli. Ma neppure stavolta coach Marenco può far sfoggio di un pacatissimo ottimismo – peraltro non nelle sue corde – in previsione della première casalinga nell’insolito orario infrasettimanale.

A Santa Margherita la manifesta inferiorità di questa Aurora sboccia e si trascina nei quarti centrali, dove una Tigullio che gioca a sprazzi  sigilla in modo inequivocabile con accelerazioni e triple una sfida sbilanciata  a suo favore, per agonismo tecnica e fisicità, attraverso un parzialone di 38-16 pressapoco in 15 minuti, pur senza fare cose turche. I chiavaresi attingono solo all’energia di Gianluca Stefani e gli sprazzi isolati degli altri sono frustrati da un inverecondo 12/47 da due punti. Anche l’ottimo Putti di La Spezia non trova il canestro (chiuderà con 0/9 dal campo), mentre gli sforzi dei  vari Muzzi, Messina e Barnini non approdano a nulla di concreto.

In questo refrain, la partita va a rimorchio delle iniziative dei biancorossi di casa che, seppur attraverso momenti meno felici, non faticano troppo a scavare un fossato di 20/25 punti ruotando tutti gli undici elementi a disposizione. Anche lo staff tecnico gialloblù si adegua risparmiando minuti ai titolari, infilando nei quintetti anche i più giovani Andreani, Curaci e Ravera. Condensando il tutto, rimane l’impressione che la squadra ha certamente margini di miglioramento, quali è assai arduo stabilirlo. Quel che preoccupa invece è che i matches casalinghi contro Pegli e Ardita – sulla carta le due gare più disponibili a rilasciare qualche cedola – arrivino troppo presto (terza e quinta giornata) per le caratteristiche attuali dell’Aurora.

IL MIGLIORE: Gianluca Stefani, non solo per il tabellino (13+6 rimbalzi), ma soprattutto per la quantità di energia. Il suo impegno totale non viene meno neppure in questo contesto e, per quel che vale, con un plus-minus da controfirmare (-7).

MENZIONE ONOREVOLE: Lorenzo Varrone. Due triple, buona attività sui due lati del campo, sfrutta lo spazio a disposizione.

 

TIGULLIO SPORT  –  AURORA BASKET CHIAVARI  64  –  49  (15-13; 37-23; 57-33)

TIGULLIO:  Prezioso 2, Radchenko 14, Ferri 2, Vexina A. 9, Quandie 8, Zolesi 3, Zolezzi 11, Vexina F. 3, Caversazio 2, Garau 4, Bianco 6,  –  All. Annigoni

AURORA:  Andreani 2, Stefani 13, Messina 6, Putti, Davini, Varrone 10, Barnini 4, Elia 2, Muzzi 6, Solari, Ravera 6, Curaci,  –  All. Marenco