C SILVER: OTTOBRE, ANDIAMO…

Ottobre, andiamo. E’ tempo di giocare.

Il Vate dal suo empireo ci perdonerà per la citazione: dopo un doveroso stacco di alcuni mesi non sapevamo come riavvolgere il nastro della comunicazione attraverso queste colonne, portatrici sane della passione per la palla a spicchi che contraddistingue ogni cestofilo. Quella stessa passione che chiama a raccolta ogniqualvolta si sente il rumore del pallone sul parquet.

La serie C Silver partirà nel prossimo weekend, con le ormai canoniche 11 squadre (punto dolente del basket ligure che non riesce a completare un girone da almeno 12 società)  che – ecco la novità – si daranno battaglia per inseguire un posto in C Gold, diversamente dagli anni passati quando la vincente accedeva agli spareggi per la serie B. Consentiteci ora una veloce digressione. Trattasi di un rimescolo che ha riportato la situazione a più di un lustro addietro, chiudendo un cerchio di sperimentazioni bislacche e mal digerite da chiunque. Perciò, visto che per andare avanti si sono fatti passi indietro, tanto varrebbe tornare a chiamarle C1 e C2, la qual cosa agli occhi magari risulterebbe più comprensibile al colto e all’inclita…

L’esordio Aurorino nel campionato assomiglia a una cordata per scalare l’Everest, considerato che domenica prossima (ore 18) i gialloblù di coach Marenco saranno ospiti al PalaSprint di La Spezia della Tarros, che come accade ogni stagione parte coi favori del pronostico. Una cambiale in scadenza che comunque sarebbe stata da onorare ugualmente e forse è meglio che accada subito, anche per guatare come la formazione chiavarese potrà reggere l’impatto sotto tutti i profili contro chi non fa mistero di voler recitare una parte importante. Ma vediamo in dettaglio la situazione.

L’Aurora in occasione di una uscita di pre-season

Come saprete,  l’Aurora è reduce dall’ormai consueto periodo estivo nel quale ha dovuto giocoforza rivoluzionare il roster, dopo aver salutato i prestiti da Sestri Levante (Ferri, Calzolari, Poltroneri, Ciotoli), la dipartita di Djordje Pantic verso nuove avventure  e il trasferimento al Cus di Lorenzo Billy Costacurta. Basti pensare che dall’ultima gara ufficiale della scorsa annata sono rimasti in casacca gialloblù i soli Gianluca Stefani, Lorenzo Varrone e Jacopo Muzzi. Il D.S. Fabio Crovo ha dovuto sudare le proverbiali mezze dozzine di camicie – aiutato in questo dall’afa prolungata a settembre… – per rimpolpare la “rosa” in modo da affrontare un percorso irto di ostacoli nel quale i chiavaresi dovranno fare necessariamente quadrato.

Le novità ci sono e le presentiamo una per una partendo da Jacopo Barnini (l’ultima stagione al Tigullio Santa Margherita), ala che necessariamente evolverà anche da centro, stante la carenza di centimetri nella squadra di coach Marenco e del vice Benvenuto. Velocità ed atletismo sono i suoi punti di forza che si dovranno combinare con le esigenze di una formazione che spesso dovrà cercare di ottenere punti rapidi, visto il gap fisico. Saverio Messina, ventiduenne ala piccola con discrete soluzioni offensive, a dispetto del cognome è toscano di Empoli. Francesco Putti (l’anno scorso a Carrara in serie C silver) di scuola spezzina, di anni ne ha diciannove è dinamico e ha raggio di tiro, gioca esterno nei ruoli 1/2. Infine Gabriele Davini (anche lui provenienza Tigullio), altro esterno classe 2000 cui si chiederanno minuti di qualità.

Oltre al trio di “giovani senatori” – perdonate l’ossimoro – di due paragrafi sopra, il resto del …Carlino è rappresentato da Francesco Elia (senior) a cui faranno compagnia Ferdinando Pellegrino, Iuri Serio, Andrea Solari (bentornato) e Mattia Zignaigo (tutti e tre del 2000). Oltre ai vari Mattia Andreani, Mattia Curaci, Filippo Ravera e Giacomo Solari (tutti del 2001) che assieme a Lorenzo Crovo (2002) costituiscono l’ossatura dell’under 18 campionato gold. Un roster giovanissimo che certo non consentirà di trastullarsi con voli pindarici, ma potrebbe rappresentare una piacevole novità e – diciamolo – uno stimolante lavoro di cesellatura da parte dello staff tecnico. Per adesso ci rimettiamo alla sentenza del campo, di un campionato che comincerà subito con due trasferte di seguito. Infatti, dopo l’opener spezzino l’Aurora si recherà in quel di Santa Margherita sabato 13, mentre il primo appuntamento casalingo sarà nell’insolito giovedì sera (21 ottobre) contro Pegli. Buon campionato a tutti.

 

Da sinistra: Davini, Putti e Messina

Jacopo Barnini