UNDER 20 – GARA 2 FINALE PLAY OFF: STEFA-SIII’ !!! AURORA CAMPIONE REGIONALE

Il più giovane in campo, Gianluca Stefani, infila la tripla risolutiva che spezza l’equilibrio tra Aurora e Pegli e consegna di fatto il titolo regionale ai gialloblù. Sul 62-62 a 25″ dall’ultimo gong, l’attacco chiavarese batte in testa già da qualche minuto e le strade per il canestro sono si lastricate di buone intenzioni, ma appaiono per lo più impervie. Una coltre di perigliosa rassegnazione sta per calare al PalaCarrino mentre gli arancioblù pegliesi sembrano più reattivi e rinvigoriti da una rimontona che sarebbe epica dal -20 di metà terzo quarto. Aggiungiamoci le premature uscite per falli di Muzzi e Costacurta – sicuramente due pezzi da novanta del quintetto Aurora – e il quadro è a tinte assai fosche. Mentre il quadrante dei 24″ scorre impietoso e l’azione non ha sbocchi nè vicino nè lontano da canestro, Stefani da sinistra infila un tiro che definire pesante non rende l’idea. E’ un macigno e vale il titolo regionale per l’Aurora, che chiude 2-0 la serie con il Basket Pegli.

Cronaca  Appurato che il mantra era quello di entrare nei giochi con determinazione andando a colpire i punti deboli degli avversari e al tempo stesso difendere con intensità su ogni giocatore, l’Aurora toglieva il piede dal freno sul finire del primo quarto, quando conquistava il suo primo sensibile vantaggio. Chirirgicamente, Frulli colpiva da sottocanestro e Dmitrovic faceva valere tecnica e atletismo nelle penetrazioni al ferro (straordinario un suo coast-to-coast con Euro-step Ginobiliano): Il divario si dilatava fino alla doppia cifra e il 36-25 era discretamente benevolo per Pegli, apparso molto nervoso.

Reazione  Dopo l’intervallo lungo, una prima reazione ospite veniva subito controllata e anzi i gialloblù prendevano il largo nettamente sul 51-31 grazie alla combinazione delle triple di Varrone e dei canestri di Frulli, Costacurta e Dmitrovic. Sembrava finita lì ed era proprio così: solo che da quel momento in poi cominciava un altro match, con Pegli che trovava energie nel risalire grazie a una difesa estesa a tutto campo che mandava in confusione i portatori di palla chiavaresi. il vantaggio da cospicuo diveniva sempre più esiguo e nel quarto periodo svaniva. Una tripla di Prezioso portava Pegli a una incollatura (56-54 pro Aurora)  e poco dopo Zaio effettuava l’incredibile sorpasso (60-61) a 1’30” dalla fine. Frulli arpionava un rimbalzo offensivo e veniva fermato fallosamente: in lunetta non falliva (2/2) e ridava l’abbrivio ai gialloblù sul 62-61. Gli ospiti pareggiavano dalla lunetta (1/2) a quota 62, poi era …Stefani-time. E si poteva finalmente festeggiare in casa Aurora un titolo regionale che sembrava stregato dopo che nelle ultime occasioni le squadre chiavaresi si erano fermate sul più bello. Questa volta no, i ragazzi hanno coronato una stagione sofferta ma tutto sommato soddisfacente sia tra i seniores che tra gli under. Complimenti a tutti!

 

AURORA BASKET CHIAVARI  –  BASKET PEGLI   66  –  62  (22-15; 36-25; 55-43)  

AURORA:  Elia, Tasso, Stefani 8, Segale, Amisano 2, Cervini 2, Varrone 6, Costacurta 13, Dmitrovic 23, Muzzi, Frulli 12, Zignaigo,  –  All. Marenco, Migliazzi

PEGLI:  Zaio 10, Germagnoli 5, Bricchetto M. 8, Meneguz, Zito 12, Prezioso 5, Mazzorana 14, Moggio, Mozzone 6, Bricchetto S. 2, Bruni, Varaldo,  –  All. Di Chiara    

Un commento su “UNDER 20 – GARA 2 FINALE PLAY OFF: STEFA-SIII’ !!! AURORA CAMPIONE REGIONALE

  1. oscar ha detto:

    Una stagione tutto sommato soddisfacente significa che poteva andare meglio. E per precisione io leverei tutto sommato.
    Il gruppo in questione era dato ad agosto retrocesso dalla C da tutti o quasi nonostante avesse i rinforzi di Begiqi e Bajardo. Ha perso i rinforzi , Muzzi ed Elia sostituiti unicamente dal valido De La Cruz e nonostante ciò non solo si è salvato, ma è arrivato ai play offs.
    Infine, il titolo Under 20 era certamente un obiettivo previsto., ma nulla è mai scontato, tanto più che l’avversario della finale era una buona squadra di serie D.
    E’ andata bene, oltre ogni aspettativa.

Comments are closed.