C SILVER: AURORA DA FAVOLA, SEI NEI PLAYOFF!

Dulcis in fundo. E che dulcis: dal cilindro di una stagione nata sotto cattivi auspici esce il coniglietto-playoff per una Aurora che nell’ultima partita della regular season ha letteralmente strangolato il Sestri Levante reduce dal successo contro (l’ex) capolista Cus. Data la combinazione di risultati – che per una volta hanno seguito i pronostici – favorevoli, i gialloblù si ritrovano addirittura all’ottavo posto dopo che non più tardi di tre settimane fa su di loro aleggiava lo spettro della retrocessione. Coach Giuliano Marenco azzecca tutto, tattica, preparazione e motivazione. I ragazzi mettono in campo fino all’ultima stilla di sudore difendendo come degli ossessi e ghermendo ogni pallone con una ferocia belluina. Il finale è persino avaro con loro: i quindici punti di scarto non danno l’idea del dominio esercitato sui quaranta minuti dalla più bella edizione dell’Aurora in questo campionato.

Difficile Riesce oltremodo arduo stilare graduatorie di merito, perchè ognuno ha contribuito anche per pochi minuti: dal Giorgio Segale che si è fatto trovare pronto in queste ultime gare anche se poco impiegato durante il campionato, al Gianluca Stefani che la lottato con una intensità impressionante per un 2000 (oltre ai punti anche 11 rimbalzi, migliore della squadra sic!, 3 recuperi e 3 assists), passando per un Filippe Frulli in versione Wunder (7/11 dal campo e 8 rimbalzi in appena 23 minuti di impiego). E che dire del “cagnaccio” De La Cruz, che pure con le polveri bagnate in attacco, ha difeso mettendo la museruola ai frombolieri biancoverdi: tutto quello che i tabellini non riportano, lui l’ha fatto. E poi Lorenzo Varrone, ottimo raccordo tra attacco e difesa, Djordje Pantic e Luca Amisano, energia allo stato puro, con spazio anche per Andrea Solari. Tutti hanno surrogato quello che Mladen Dmitrovic non è riuscito a dare in 17 intermittenti minuti a causa dei problemi di falli del puledro gialloblù, per una volta in tono minore dopo un torneo vissuto da trascinatore a suon di canestri soprattutto nella seconda parte.

Billy  Abbiamo tenuto per ultimo Lorenzone Costacurta (23 punti con 9/13 dal campo e 10 rimbalzi) autentico mattatore del pitturato, che da quando la squadra ha chiesto a lui maggior coinvolgimento offensivo si è messo sul proscenio a suon di canestri (13 di media nelle ultime sette giocate), segno di una maturazione ottimale e di un lavoro in profondità sulle proprie caratteristiche. Una stagione , quella dei gialloblù, che ricalca la sua parabola: alzi la mano chi, non più tardi di venti giorni fa, poteva prevedere un simile svolgimento.

Finalino  E il coach? Poche chiacchere, come al solito, e una soddisfazione che intimamente non vuol lasciare trasparire con il suo basso profilo: “Bella vittoria, i ragazzi hanno seguito passo per passo quello che avevamo preparato in settimana e lo hanno tradotto in campo con determinazione. I playoff sono il giusto premio per chi, come loro, non ha mai smesso di lottare, di crederci e di allenarsi anche quando tutto sembrava franarci attorno. Solo chi ha vissuto in totale questa avventura può gustare questi momenti fino in fondo”.

 

AURORA BASKET CHIAVARI  –  CENTRO BASKET SESTRI LEVANTE     64  –  49  (21-5; 40-21; 56-35)

AURORA:  DeLa Cruz 3, Stefani 8, Dmitrovic 5, Frulli 17, Costacurta 23;  Segale 4, Pantic, Varrone 3, Amisano 1, Solari,  –  All. Marenco

SESTRI LEVANTE:  Massucco 2, Garibotto 14, Ferri E. 15, Ferri R. 4, Calzolari 6;  Castellini, Davini, Delpino, Piardi 3, Poltroneri 5,  –  All. Canepa

Un commento su “C SILVER: AURORA DA FAVOLA, SEI NEI PLAYOFF!

  1. 9lj ha detto:

    ! ! ! ! ! ! ! A U R O R A ! ! ! ! ! ! ! !

Comments are closed.