C SILVER: Partenza lanciata per l’Aurora

Facile, troppo facile. La baby-Ovada – composta per nove decimi da ragazzi  under 20 – non impensierisce l’Aurora, che mette a segno il primo colpo esterno della stagione passando sul campo dei piemontesi. Poca suspense in una serata di fine settembre dove i gialloblù di coach Marenco mettono subito in chiaro le cose con un avvio bruciante (14-3 al 5′), con il quintetto che va gavazzando in cotanto giardino. Vercellotti ne mette undici in nemmeno otto minuti, poi l’Aurora va col pilota automatico arrivando sul +29 alla sirena di metà partita. Game over.

In un match che non sollecita più di tanto le corde chiavaresi, i biancorossi di casa ci mettono comunque impegno e volontà e ottengono anche buoni flashes dal duo Ferrando-Cruder. Ma i nostri sono decisamente padroni della situazione e lo testimoniano gli ampi minutaggi che l’allenatore dedica ai componenti del roster, tutti sopra gli 11 minuti di impiego.

Detto così di una gara tutt’altro che vibrante, tra i singoli rimangono da segnalare gli effervescenti Vercellotti e Toschi, le buone prove dei due giovani under Jacopo Muzzi e Lorenzo Costacurta – una coppia di recente acquisizione che tornerà utile a coach Marenco anche e soprattutto in futuro – e il predominio che non sconfina nell’eccessiva e spesso malcelata sicumera. Altre e ben più probanti sfide attendono Garibotto e compagni, cominciando da domenica prossima contro i “frontalieri” dell’Ospedaletti, con gli arancioneri di Lupi che vorranno vendicare la rocambolesca garatre di semifinale playoff di ormai cinque mesi fa.

Come di consueto, affidiamo la chiosa a Giuliano Marenco, anche per commentare i primi risultati di campionato. “Tutto come previsto, con le favorite che si sono confermate. Dal canto nostro non abbiamo ricevuto indicazioni importanti da una partita che si è presto incanalata a nostro favore, data la differenza di valori e di esperienza a nostro vantaggio. Mi è piaciuto comunque l’approccio dei miei giocatori, tutti hanno avuto spazio a disposizione e l’atmosfera è stata piacevole, con i “vecchi” che incoraggiavano i più giovani. Certo, le prossime gare ci diranno parecchio di più sulla nostra consistenza, oggi a noi mancava Edoardo Ferri (squalifica risalente alla scorsa stagione, n.d.a.) mentre gli ovadesi dovevano fare a meno del loro americano, ma ritengo che possiamo fare buone cose anche in questo contesto più competitivo rispetto al recente passato”.

 

 

RED BASKET OVADA – AURORA BASKET CHIAVARI   47 – 83   (11-25; 22-51; 34-65)

OVADA  Cardano, Ferrando 12, Cruder 9, Grossi 4, Migone 8;  Andov, Paro 5, Ferrari, Canepa 9, Gervino. – All. Brignoli.

AURORA   Podestà 6 (0/3 da due, 1/3 da tre), Vercellotti 15 (4/6, 1/4), Garibotto 12 (3/7, 2/6), Terribile 10 (4/6), Bottino 9 (4/8); Toschi 15 (3/5, 3/7), Muzzi 2 (1/4), Bartolozzi 4 (2/4), Tealdi 4 (2/6), Costacurta 6 (3/6). – All. Marenco.