C FEMMINILE: “GABBO” CHIAMA, “BONNIE” RISPONDE

In una parola, un capolavoro. Una strepitosa Aurora soffe, rimonta e vince una interminabile sfida in  garauno della finale di serie C femminile. Violando il campo della favorita Alassio, le gialloblù di Luca Migliazzi si portano sull’1-0 e hanno la grossa chance di potersi giocare la partita decisiva per la promozione in serie B al PalaCarrino, sabato prossimo (ore 18). Se pensiamo alle due pesanti sconfitte subite al PalaRavizza nella stagione regolare – un totale di 54 punti di scarto, due monologhi delle ponentine – forse si riesce a comprendere solo in parte la reale portata dell’ impresa delle chiavaresi.

L’Aurora di ieri sera ha avuto il grande merito di non lasciarsi andare mai, neppure di fronte all’avvio a spron battuto delle avversarie, che si portavano  al comando di una decina di punti. Le gialloblù restavano attaccate alla gara con grinta e coraggio e prendevano morale nel terzo periodo, chiuso sul -2, che lasciava presagire un finale in volata. Nel quarto tempino, l’alternanza di vantaggi da una parte e dall’altra era destinata a risolversi a favore delle padrone di casa, ma una tripla “Garibottiana” (o forse meglio dire “Boniniana”?) a 10″ dalla sirena da parte di Marta Bonini portava le due compagini all’overtime. Qui, la maggior tenuta delle chiavaresi aveva la meglio, regalando il match-ball di sabato prossimo sulla racchetta dell’Aurora.

Impossibile fare una scala dei valori tra le ragazze di coach Migliazzi: tutte vanno accomunate in un grande applauso per spirito e dedizione, nonchè nei meriti prettamente tecnici – ben nove triple in carniere – e ognuna ha contribuito in maniera fondamentale al successo. Ottima anche la direzione tattica del match da parte di Luca Migliazzi, che provvede comunque a gettare acqua sul fuoco, proiettandosi nel futuro: “Abbiamo vinto solo il primo tempo e, se vogliamo che tutto finisca bene sabato prossimo dobbiamo impegnarci dando il 101%. Non dobbiamo credere che l’Alassio venga a Chiavari per consegnarci la promozione, penso che vorranno riportare la serie a casa loro. E’ lunga, abbiamo davanti questi 40 minuti dove – è bene ricordarlo – può succedere di tutto: questo spirito che abbiamo avuto in trasferta lo vorrei rivedere sul campo di casa. Poi, come è logico, vinca il migliore”.

 

PALL. ALASSIO  –  AURORA BASKET CHIAVARI  72  –  76  d.t.s. (20-10; 36-28; 50-48; 64-64)

ALASSIO:  Bellenda 4, Tassara 19, Lanari 21, Re, Moncheroni, Mortera 23, Cunese, Bordonaro, Bogliolo, Benso, Zappatore, Vittone 5,  –  All. Iannuzzi

AURORA:  Ortica I. 9, Vaccaro 12, Ortica E. 2, Canepa, Copello 9, Tesserin 15, Diana, Celano 8, Parodi 14, Ostigoni, Raggio, Bonini 7,  –  All. Migliazzi