C2: PREMIATA DITTA “VERCE & GABBO”

La settima vittoria in striscia dell’Aurora contribuisce ad alimentare il processo di crescita degli uomini di Giuliano Marenco, che gestiscono al meglio i 40′ di Rapallo prendendo il controllo delle operazioni praticamente fin dall’inizio e soffocando le velleità dell’Alcione. La padronanza della situazione diventa vieppiù marcata ad ogni giro d’orologio, soprattutto quando sale l’intensità difensiva di Garibotto e compagni, vero barometro della condizione di una squadra. In sintesi, le temute trappole del derby non si sono materializzate e ciò va ascritto a merito di una Aurora sufficientemente autoritaria.

Ad un primo quarto col freno a mano tirato fanno seguito dieci minuti dove si vedono buone cose in attacco, il che consente di mettere nella federa del match un cuscino di punti in doppia cifra. La parola fine viene scritta in un terzo quarto iniziato a spron battuto con un 11-0 di parziale allungato a 15-2, con la coppia Vercellotti-Garibotto che elargisce sprazzi di talento e allunga le mani sulla partita. La combo-guard gialloblù riesce ad incanalare l’energia in 37′ dove mette un pò di tutto (21 punti con 3/4 da tre, 10 rimbalzi, 5 assist  ma anche 8 palloni persi) e stabilisce il suo superiore magistero dragando il campo alla ricerca del numero ad effetto, colpo che peraltro gli riesce in qualche occasione. Il capitano mette companatico  e coltiva con perizia le terre cestistiche raccogliendone i frutti (21 anche lui, con 6/13 dal campo, 6/6 dalla lunetta e 8 carambole).

La differenza dei valori alla fine produce un match che scivola via in una seconda parte tutt’altro che travolgente, con l’Aurora che bada al sodo (la vittoria) dopo aver scavato un divario incolmabile già al 7′ del terzo quarto. Come di consueto, coach Marenco utilizza tutti gli effettivi a disposizione, ruotando diversi quintetti pur mettendo per 33′ Podestà a dirigere l’orchestra gialloblù, data la concomitante assenza per infortunio di Luca Toschi. Il buon Gabriele, ormai calatosi nei panni di regista, dispensa il suo acume cestistico non negandosi qualche iniziativa offensiva che pensiamo possa venire incrementata col passare del tempo, una volta impratichitosi degli atout fisico-tecnici che la nuova posizione gli consente. Quanto al Rapallo, dopo un discreto inizio, i gialloverdi si smarriscono con diversi errori ed i soli Moscotto (11/12 ai tiri liberi) e Spina (due triple) non bastano per nutrire speranze di vittoria in un derby che stempera via via col passare dei minuti.

Alla vigilia del turno di riposo i chiavaresi sono sicuri di rimanere in vetta da soli, in quanto l’Ospedaletti cade come da pronostico nella tana del Sarzana, mentre Granarolo, Tigullio e Sestri Levante avanzano di una casella con tre netti successi. Alla ripresa, tra quattordici giorni, l’Aurora sarà di scena a Vado (inversione di campo rispetto al calendario originale per le problematiche del PalaCarrino), poi mercoledì 10 dicembre ad Ovada nel recupero della terza giornata e per concludere sabato 13 a Santa Margherita ospiti del Tigullio: tre trasferte nel giro di sei giorni che costituiranno il punto focale delle ambizioni gialloblù. Anche il coach è d’accordo: “In questi giorni di sosta cureremo maggiormente le cose che possiamo migliorare, come la transizione offensiva e qualche movimento in difesa, che ho visto si e no anche qui a Rapallo. Dovremo anche valutare l’entità dell’infortunio di Toschi (alla mano, n.d.r.), speriamo non sia nulla di grave visto che ha già saltato alcune gare. Grazie agli sforzi della Società e dei suoi tesserati, non dovremmo risentire troppo della situazione del PalaCarrino: mi auguro che presto tutto torni alla normalità”. Ovviamente, ci associamo ai desideri del coach…

 

 

ALCIONE RAPALLO – AURORA BASKET CHIAVARI   56 – 71  (9-13, 26-37; 37-55)

ALCIONE   Ermirio 6, Moscotto 16, Gardella 11, Giordano 4, Bacigalupo 6;  Poli 2, Pieranti, Atzei 2, Medisio, Spina 9. – All. Gaiaschi.

AURORA  Podestà 9, Vercellotti 21, Garibotto 21, Terribile 4, Bottino 2;  Bartolozzi, Buccini 6, Gaadoudi 3, Tealdi 5, Vajra. – All. Marenco.

TITI LIBERI : Aurora 15/23 (Garibotto 6/6, Bottino 2/2, Podestà 2/2, Vercellotti 2/3, Buccini1/2, Gaadoudi 1/2, Tealdi 1/4)

TIRI DA 2 PUNTI: Aurora 16/37 (Vercellotti 5/9, Garibotto 3/6, Podestà 2/2, Tealdi 2/3, Buccini 1/1, Gaadoudi 1/1)

TIRI DA 3 PUNTI: Aurora 8/18 (Vercellotti 3/4, Garibotto 3/7, Buccini 1/1, Podestà 1/4)

RIMBALZI : Aurora  47 (10 offensivi) – Terribile 11 (1), Vercellotti 10 (1), Garibotto 8 (3).