C2: UNA NOTTE DA LEONI

La pazzesca tripla (tabella non dichiarata?)  di Gianluca Garibotto a 13″ dalla sirena finale provoca la più grossa sorpresa della quinta giornata del campionato di serie C regionale.  L’Aurora mette la parola fine alla lunghissima striscia vincente del Sarzana (un anno e mezzo di soli referti rosa) con una prova tutta cuore e qualcos’altro che sta ubicato più a sud  del muscolo cardiaco. I ragazzi di Giulano Marenco reggono bene l’urto della capolista  rimanendo sempre a contatto per tre quarti di gara per poi operare il sorpasso nel finale, quando riescono a trovare recondite energie e la loro difesa lentamente va a soffocare le operazioni dei biancoverdi locali, i quali – quasi a simboleggiare l’assioma – non riescono nemmeno ad effettuare il tiro nell’ultimo possesso.

Alla vigilia della partita, il coach chiavarese si augurava che i suoi dessero un seguito ai buoni momenti intravisti nella “figure skating” contro l’Ovada. L’ottimo comportamento e la tenuta mentale sui 40′ della trasferta di Sarzana crediamo abbia riportato il sorriso nell’ambiente gialloblù, alle prese con un inizio campionato un pochino complicato. La seconda vittoria esterna consecutiva – sicuramente più “pesante” di quella con il Sestri Ponente – può certamente fungere da base di partenza per provare ad “espugnare” il PalaCarrino (finora avaro di soddisfazioni per i nostri, con lo scivolone della prima giornata e gli… scivoloni della gara contro Ovada) nell’impegno domenicale contro il pericoloso Granarolo.

Dopo un primo quarto transitorio, i locali danno gas, con l’Aurora che comunque resta  in scia, chiedendo ed ottenendo gli straordinari da Garibotto (sfiorato il trentello con una ottima prova difensiva su Bencaster) , Terribile e Tealdi. A metà gara si arriva sul +8 interno e tutto volge a favore dei sarzanesi, che sembrano pronti a sferrare il break  decisivo. Invece, i gialloblù non mollano l’osso, neppure di fronte alle spallate di Tesconi e Dell’Innocenti, che cercano di instradare  i compagni nella fuga buona, rientrando nel quarto tempino e gestendo con lucidità – aldilà del triplone garibottesco – il finale.

Tra i singoli, detto del trio Gabbo-Terry-Tealdi, da citare il roccioso Superbot Bottino ed il sempre prezioso Cesarino Sciutti. Importante il contributo di Leo Buccini con un canestro fondamentale nell’economia della gara.

 

 

 

SARZANA BASKET  –  AURORA BASKET CHIAVARI  66  –  68  (10-11; 37-29; 55-48)

SARZANA: Barbieri 7, Casini 4, Brinck, Bencaster 15, Pedrelli, Bianchini 5, Dell’Innocenti 21, Tesconi 14, Boccafurni, Pene,  –  All. Bertieri

AURORA:  Sciutti 7, Buccini 2, Stefani, Provatidis, Briccolo, Garibotto 29, Terribile 11, Tealdi 11, Bartolozzi, Bottino 8,  –  All. Marenco